Il Tannino di castagno

ll Tannino di castagno è una sostanza polifenolica presente nella corteccia della pianta di castagno, nota per le sue proprietà antispastiche e astringenti, antibatteriche e antivirali.

In fitoterapia, il tannino viene utilizzato soprattutto nel trattamento dei disturbi intestinali e nei preparati cosmetici per la cura degli inestetismi della pelle, come acne e irritazioni cutanee.

Un rimedio naturale per contrastare i disturbi intestinali

Grazie alle sue proprietà antispastiche e astringenti, il tannino di castagno ha un’importante azione antidiarroica e prebiotica: favorisce, cioè, il proliferare della flora benefica dell’intestino, coadiuvando il ripristino dell’equilibrio intestinale.

Diversi studi dimostrano, infatti, che questa sostanza è in grado di ridurre la motilità intestinale e di contrastare numerosi patogeni del tratto gastro-intestinale (
quali, ad esempio, Stafilococco Aureo, Vibrio spp, Salmonella spp e altre specie patogene), svolgendo un’attività antivirale e antibatterica. Il tannino, inoltre, ha un ruolo risolutivo anche nei disturbi diarroici più frequenti legati alla presenza di Rotavirus.